Tag

, , ,

Cosa comporta in realtà l’epoca in cui noi stiamo attualmente vivendo? Fondamentalmente, il Web attuale sta ridisegnando la nostra identità, rendendoci sempre più “permeabili” e meno stabili di quanto forse vorremmo. In altre parole, diventiamo ‘liquidi’ e la nostra identità va a plasmarsi non secondo i nostri parametri di riferimento, ma secondo la qualità dei rapporti interpersonali e la consistenza di quanto costruiamo nei rapporti. Inoltre, come qualsiasi buon liquido, anche questa identità fluida va espandendosi e contraendosi, modellandosi a secondo di quel che si viene a contattare. Molti sono oggettivamente spaventati da questa ridefinizione della propria identità. Molti altri non fanno altro che rimettere in perenne circolazione quanto viene costruito, specie attraverso i network sociali (come si vede in questa immagine che ho usato durante un convegno nel 2009). Molti, infine, sono piuttosto restii a diventare “curatori” delle conoscenze e plasmatori della realtà ridefinita: vuoi per insufficienze, vuoi per oggettive difficoltà personali, vuoi per impegni di tutto rispetto (lavoro, scuola, famiglia, volontariato, ecc.). Eppure, l’insegnante del domani assomiglia sempre più a un “curatore” (non testamentario, beninteso) che a un semplice trasmettitore di nozioni, perché oggi siamo tutti più attivi, più pronti a rimetterci in gioco e in discussione.