Gmail Priority/ La mail prioritaria per Google

Uso sempre volentieri Gmail (è uno dei miei accounti preferiti): efficiente, integrato meravigliosamente con il Reader RSS, Google Docs, ecc. L’idea che Google sta lanciando è interessante e merita un po’ d’attenzione, specie se siamo letteralmente sommersi da messaggi di posta elettronica. Non sto parlando dei filtri per eliminare i messaggi indesiderati (Spam) e altro: mi riferisco specificamente alla priorità con cui ricevere ed evidenziare la quantità di mail presenti in casella. Qui appresso un breve video semplifica simpaticamente l’idea.

48ers: A Search Engine of Social Networks/ Motore di ricerca per social network

How much “sociable” are you? How do we search news, ideas, things, and so on through the social networks? A British website tries to answer these questions. In this post I directly quote the page “About Us”, so have a look yourself/selves.
48ers was created to help you search for what’s happening right now. The “mission” of 48ers is to trawl conversations from all the major social networks across the web to bring back nuggets of information to help to:

  • Discover what people are saying about your company or brand
  • Find out what other people think of the TV shows you’re watching
  • Be the first to find out about breaking news stories
  • Tap into the public mood about the latest sporting events

The name has been given after the very first pioneers of the Californian Gold Rush, begun on January 24, 1848 at Sutter’s Mill, in Coloma, California. Those people were then known as the “48ers”.

In Italiano:
Quante volte vogliamo conoscere e/o reperire informazioni e notizie attraverso i social network e le reti e comunità cui apparteniamo? Se una grande massa di dati utili, interessanti e curiosità ormai “viaggiano” attraverso i social network, come possiamo ricercare elementi d’interesse. Il motore di ricerca “48ers” sembra volere rispondere ai quesiti e si pone l’obiettivo di ricercare, appunto, fra tutti le comunità online esistenti.
Il nome “48ers” deriva da un episodio storico, connesso con la Grande corsa all’oro americana che iniziò proprio il 24 Gennaio 1848 e i primi pionieri erano chiamati proprio “48ers”, come dire: i ‘Quarantottisti’…

Il Web 2.0 e i punti strategici (#w2s)

Da qualche anno gli influenti esperti americani John Battelle and Tim O’Reilly propongono il “The Web 2.0 Summit“, una specie di forum dove s’incontrano i leader dell’Internet Economy. Quest’anno l’incontro si terrà dal 15 al 17 novembre, nella città californiana di San Francisco.
Il tema del Summit Web 2.0 di quest’anno è “Points of Control–The Battle for the Network Economy” (“Punti di Controllo. La battaglia dell’economia in rete”). Secondo Battelle, infatti, nei tempi recenti l’industria digitale ha visto confrontarsi alcuni concorrenti fra loro: Apple, Google vs. Microsoft nei motori di ricerca, Facebook, Foursquare, ecc. Tutti questi “attori” sono in competizione fra loro e cercano di presidiare la Rete Internet con veri e propri ‘punti di forza’, al punto che è necessario quasi ideare una specie di mappa che ci faccia visualizzare le forze in campo e dove. Ecco la mappa menzionata:
Come cambia dunque il Web 2.0 e quali prospettive ci aspettano nell’immediato futuro, vista la rapidità con la quale la Rete (pensiamo per esempio alla geo-localizzazione di Foursquare, impensabile fino a 2 anni fa)? Dobbiamo aspettarci condivisione spinta di informazioni, di utenti sempre connessi a Internet, al progressivo abbassamento delle tariffe telefoniche di connessione alla rete, all’immagazinamento in rete (e non più fisicamente nel disco fisso o penna USB) di masse enormi di dati come avviene ora con il Cloud Computing?

Staying At School Reduces Risks of Hypertension/ Stare a scuola un anno in più riduce rischi d’ipertensione

According to a study by Nattavudh Powdthavee, from the British University Of York, made for the Institute for the Study of Labor (IZA) in Bonn, the biomarker, positive, effect of compulsory schooling is real. According to the data set used, those of the Health Survey for England (HSE), “using the changes in the minimum school-leaving age law in the United Kingdom from age 14 to 15 in 1947, and from age 15 to 16 in 1973, as sources of exogenous variation in schooling, the regression discontinuity and IV-probit estimates imply that completing an extra year of schooling reduces the probability of developing

subsequent hypertension by approximately 7-12% points; the result which holds only for men and not for women. The correct IV-probit estimates of the LATE for schooling indicate the presence of a large and negative bias in the probit estimates of schooling-hypertension relationship for the male subsample”:

the RD and IV-probit estimates imply that completing an additional year of schooling helps reduce the probability of men developing subsequent hypertension by approximately 7%-12% points.” (p. 14).

A further study such as by Goldman and Smith (2002) finds that more educated HIV/AIDS patients are more likely to adhere to therapy than their less educated counterpart. In other words, there is “some evidence of the beneficial effects of schooling on health behaviors.”

——

  • See Goldman, Dana, and Smith, James P. 2002. Can patient self-management help explain the SES health gradient? Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States, 99, 10929-10934.
  • The original paper by Nattavudh Powdthavee is fully available here (in Pdf format): http://u.nu/3t3ze.

In Italiano:
A quanto pare, la permanenza degli studenti maschi a scuola per un anno in più aiuta a ridurre i rischi di patologie di ipertensione nell’ordine del 7-12%.
E’ quanto afferma uno studio di Nattavudh Powdthavee (Università di York) in inglese (consultabile liberamente qui, http://u.nu/3t3ze, in formato Pdf) che raccoglie e analizza vari dati del servizio sanitario inglese, Health Survey for England (HSE), in due periodi storici precisi, 1947 e 1973. Il risultato è quello evidenziato: stare a scuola un anno in più contribuisce a evitare i rischi di ipertensione. Non male, specie quando si vuole a tutti i costi ridurre i tempi scolastici da parte del MIUR e dell’OCSE.

No More Curricula and Networking Instead?/ Facciamo a meno dei programmi nazionali?

What is the most outrageous alternative education scenario you could imagine? Children not attending school, but instead learning from home?

This is the opening sentence of an interesting piece of writing posted at “Learning with ‘e’s” by Steve Wheeler, Associate Professor (Senior Lecturer) in the Faculty of Education at the University of Plymouth in Great Britain. I had the fortune to listen to Steve during the ICL ’08 (Interactive Aided Computer Learning) Conference in Villach, Austria and since then I am very happy to follow his thoughts.
Steve is entitled “Otrageous Alternatives” and is interestingly centred upon the idea of relying on Ivan Illich’s idea of ‘descholarizing’ society and on “peer-matching network“. I think that Steve’s questions are a better explanation for the future challenges posed by learning in these years:
Are we doomed to continue with a rusty, creaking, increasingly outmoded national curriculum which every day becomes more and more irrelevant to the needs of the modern, fast changing, digitally-rich world of the information society?

In Italiano:
Ho avuto la fortuna di conoscere Steve Wheeler durante l’Interactive Computer Aided

Plymouth Civic Centre from Mount Edgcumbe (foto di Webrarian)

Learning (ICL ’08) a Villach, in Austria, dove ho parlato pure io di tassonomie utili e/o possibili riguardanti gli apprendimenti attraverso il Web. Steve è professore associato (Senior Lecturer) presso la Faculty of Education dell’University of Plymouth.
Oggi Steve ha pubblicato nel suo blog “Learning with ‘e’s” un post molto interessante dal titolo “Otrageuous Alternatives“. Secondo lui, i programmi di studio nazionali possono apparire sempre più “irrilevanti” (“irrelevant“) di fronte ai bisogni della società dell’informazione del mondo digitale, in continuo e rapido cambiamento. In sintesi, bisogna ritornare alla descolarizzazione della società di Illich perché si impara meglio e di più attraverso le comunità sociali, i giochi di ruolo, ecc.
Intanto, osservo solamente che qui in Italia il dibattito pedagogico e politico è avvilente.

The Future Internet: Web 3.0 of Things/ L’Internet futuro e il web 3.0 dei servizi

In the past few weeks I already tried to talk about “Semantic Web“, term that refers to the extension of the World Wide Web that enables people to share content beyond the boundaries of applications and websites. To be precise, I attempted a review of Kngine, a true semantic Web Search Engine.
After years of single ideas, a newer, holistic approach seems more useful.
Today I would like to present The Future Internet, an initiative driven by the European Union which brings together over 80 projects within six working groups, included into the general name of Service Web 3.0, to create a new Internet to meet Europe’s economic and social needs. The European Union has seen how emerging technologies such as the Semantic Web or Web Services transform the Internet from a network of information to a network of knowledge and services. Every physical object becomes an online addressable resource; a Mobile Internet where 24/7 seamless connectivity over multiple devices is the norm; and the need for semantics in order to meet the challenges presented by the dramatic increase in the scale of content and users.
This video should explain some future development of the Internet, though I dislike it a bit at a technical level.

In Italiano:
Il Web Semantico è un termine coniato dall’inventore del Web, Tim Berners-Lee, con cui si definisce l’estensione del World Wide Web in modo da permettere alle persone di condividere contenuti aldilà dei limiti delle applicazioni fisiche e dei siti web. L’idea è che le pagine HTML, le immagini, i file siano associati ad informazioni e dati (metadati) che ne specifichino il contesto semantico in un formato adatto all’interrogazione, all’interpretazione e, più in generale, all’elaborazione automatica.
Come dunque tentare di ‘raccogliere’ e organizzare tutte le risorse presenti nella rete e poterle adoperare senza perdersi? Come potere sfruttare (pienamente) tutte le risorse e i servizi presenti? Non è meglio adoperare un “approccio olistico”, globale? Ecco che nell’Unione Europea attraverso l’iniziativa The Future Internet si fa strada l’idea del Web Semantico, di Service Web 3.0, un grande ‘calderone’ che raccoglie circa 80 progetti suddivisi in 6 macro-gruppi relativi ai nuovi linguaggi, servizi e altro che permettano ai cittadini europei di orientarsi ed essere pienamente cittadini, appunto.

ReadPrint: Free online books library/ Biblioteche online (gratis)

The American magazine Time has has already published a Top list, “50 Best Websites 2010”.  The ‘best web sites’ are organized into several categories, among which there is also ReadPrint. ReadPrint is an online directory that catalogs books that are freely available online. Some titles are classics whose copyrights have expired. There are over 3,500 resources and titles, all free to consult and read. It is easy to connect via Facebook, Twitter, Yahoo, and so on.

In Italiano:
Ogni anno i settimanali e le riviste anglo-americane hanno la mania di stilare le classifiche: troviamo le migliori università, le migliori letture per l’estate, le migliori strenne natalizie, ecc. Ecco dunque la classifica di Time relativa ai migliori siti web per il 2010. Ai link evidenziati nel post in inglese troverete anche una bella iniziativa, tutta a base volontaria, chiamata ReadPrint, una biblioteca online di grandi classici, narrativa, poesia e saggistica, i cui diritti d’autore ormai scaduti ne permettono la fruizione gratuita e l’organizzazione indicizzata a uso di insegnanti e studenti. Una bella iniziativa, che in Italia ci sogniamo. Beninteso: non è che in Italia non esistano cose simili, è solo che c’è una sorta di antipatia congenita verso di esse da parte del “Sistema cultura”, spesso ignorante e incapace di valorizzarle adeguatamente.