Coursera: Free Quality University Courses / Corsi universitari gratis

“We are a social entrepreneurship company that partners with the top universities in the world to offer courses online for anyone to take, for free. We envision a future where the top universities are educating not only thousands of students, but millions.”
I quote these lines directly from Coursera website, that assembles a very worth effort by most American famous universities, such as Stanford, the University of Pennsylvania, Princeton, Michigan, and so on. In brief, Coursera offers free quality courses on a wide range of subjects taught by leading teachers. It is even possible to get a final certificate.
Classes offered on Coursera are designed to help people master the material. When we the student take one class, we will watch lectures taught by world-class professors, learn at our own pace, test your knowledge, and reinforce concepts through interactive exercises. When we join one of Coursera classes, we’ll also join a global community of thousands of students learning elsewhere. Courses are designed based on sound pedagogical foundations, to help the student master new concepts quickly and effectively. Key ideas include mastery learning, to make sure that we have multiple attempts to demonstrate our new knowledge; using interactivity, to ensure student engagement and to assist long-term retention; and providing frequent feedback, so that Coursera can monitor our own progress.

In Italiano:
Avreste sempre desiderato seguire un corso di una prestigiosa università americana, ma avete desistito a causa della distanza e dei costi? Adesso è possibile farlo: attraverso Coursera chiunque ha l’opportunità di iscriversi gratis – secondo la tempistica accademica consueta – a un qualsiasi corso disponibile. Le discipline e gli ambiti d’interesse sono i più disparati, dalle materie scientifiche a quelle più prettamente umanistiche, secondo un criterio di qualità messo su da un consorzio delle università USA più famose.
Coursera mette a disposizione i materiali e gli insegnamenti, assieme alla bibliografia relativa, il tutto in maniera assolutamente gratuita, secondo un o percorso che risulta essere assai organizzato e coerente. Ultima cosa interessante: Coursera rilascia regolare certificato di frequenza e competenza.

Annunci

Widbook: Multimedia Authoring Tool (Free)/ Creare libri multimediali (gratis)

Today I am pleased to write a short post about a new website called “Widbook“. Widbook presents itself as the ‘social network to find books, publish your own, create shelves and spread ideas.’ Widbook is new service that is part multimedia book authoring tool and part social network. On Widbook it is possible to create a digital book that contains text, images, and videos. Widbook is collaborative because the user can invite others to make contributions to his/her books. To use Widbook we have to create a profile on the service, or access via Facebook. The books that we create become a part of our profile. If we allow it, other Widbook users can add content and or comments to our books. Likewise, we can search for others’ books and make contributions to their books.
The educational potential of Widbook is great: Widbook may allow students and teachers to build multimedia research papers, digital learning objects and even platform, where users can share and enjoy smarter and creative ways to learn.

In Italiano:
Oggi è sempre più possibile sfruttare strumenti software e piattaforme online per elaborare e creare da sé libri multimediali, ricerche  e oggetti digitali per l’apprendimento riusabili dove e come si vuole. Il caso di iBooks Author della Apple, che gli utenti possono adoperare su notebook, computer da tavolo, iPad, è eclatante: il singolo utente può dare sfogo alla propria creatività e alle competenze in modo nuovo e interessante.
Oggi è disponibile un nuovo strumento collaborativo online, gratuito e chiamato Widbook, ovvero una piattaforma cui accedere dopo essersi registrati con account libero o attraverso il proprio profilo Facebook. Widbook permette di creare libri digitali che contengono testi, immagini e video. L’aspetto collaborativo di Widbook è evidente in quanto l’utente può invitare altri a collaborare al proprio libro o ricerca multimediale, aggiungendo commenti, modificandone parte del contenuto e/o dell’aspetto.

Teens and video / Come i ragazzi usano video online?

This post is not original, in the sense that I have just come across an interesting report by the American PEW Internet Research with the title ‘Teens and Video: shooting, sharing, streaming and chatting. The document reports the outcomes of a survey conducted on 799 teens conducted by the Pew Research Center’s Internet & American Life Project between April 19 and July 14, 2011. In that study, the teens were asked about a number of online behaviors and the results for video-oriented activities. Here I copy what the summary says:

  • 37% of internet users ages 12-17 participate in video chats with others using applications such as Skype, Googletalk or iChat. Girls are more likely than boys to have such chats.
  • 27% of internet-using teens 12-17 record and upload video to the internet. One major difference between now and 2006 is that online girls are just as likely these days to upload video as online boys.
  • 13% of internet-using teens stream video live to the internet for other people to watch.
  • Social media users are much more likely than those who do not use social media to engage in all three video behaviors studied.

 In Italiano:
Quest’oggi ho il piacere di presentare un rapporto dell’americano Pew Research Center’s Internet & American Life Project condotto fra il 19/04 e il 14/07/2011, intitolato Teens and Online Video. Lo studio presenta le risposte di 799 giovani circa i comportamenti online e le attività attraverso le modalità video e fotografiche. Insomma, abbiamo un’interessante analisi riguardante ciò che gli adolescenti compiono online, dal condividere foto a elaborare video, ecc.
Questi i dati in sintesi:

  • 37% degli utenti internet (età 12-17) partecipano a interazioni in video-chat con altri usando Skype, Googletalk o iChat. Le femmine superano i maschi.
  • Il 27% degli adolescenti utenti (età 12-17 anni) registrant e caricano video su internet. Rispetto a una ricerca identical condotta nel 2006, oggi (2011), le ragazze fanno le attività online tanto quanto i ragazzi (e non sono meno).
  • Il 13% dei giovani elabora (in 1^ persona) e carica video in streaming perché sia visto da altri utenti.
  • Gli utenti dei social media sono presumibilmente di più di coloro che non li usano.

The Struggle for Internet Freedom/ La libertà di Internet

In this powerful talk from TEDGlobal (video below), Rebecca MacKinnon describes the expanding struggle for freedom and control in cyberspace, and asks: How do we design the next phase of the Internet with accountability and freedom at its core, rather than control? She believes the internet is headed for a “Magna Carta” moment when citizens around the world demand that their governments protect free speech and their right to connection.
Rebecca MacKinnon also looks at issues of privacy, free expression and governance (or lack of) in the digital networks, platforms and services on which we are all increasingly dependent. MacKinnon has discussed most of these topics also in a book recently published, Consent of the Networked. The Worldwide Struggle for Internet FreedomConsent of the Networked is a call to action: our freedom in the Internet age depends on whether we defend our rights on digital platforms and networks in the same way that people fight for their rights and accountable governance in physical communities and nations. It is time to stop thinking of ourselves as passive “users” of technology and instead act like citizens of the Internet – as netizens – and take ownership and responsibility for our digital future.

In Italiano:
Secondo Rebecca MacKinnon, ex giornalista della Cnn e cofondatrice del network di blogger e attivisti «Global Voices», le aziende in Rete troppo spesso «non sono sufficientemente responsabili del potere che esercitano» nei confronti dei cittadini digitali. In attesa che esca l’edizione italiana del suo recentissimo libro Consent of the Networked. The Worldwide Struggle for Internet Freedom, vediamo di approfondire il tema.
Come nel Leviatano del filosofo inglese Thomas Hobbes, gli utenti consegnano volontariamente parti sempre più consistenti delle proprie libertà — dalle transazioni online ai dati personali — a un sovrano (non proprio illuminato) per ottenere in cambio sicurezza e protezione. Inondiamo di informazioni piattaforme come Facebook, archiviamo memorie digitali su servizi come MegaUpload, e lasciamo che la nostra privacy sia scomposta e ricomposta a piacimento negli infiniti cambiamenti imposti dai social media e, recentemente, da Google. Per MacKinnon è uno stadio «primitivo, monarchico» della gestione di Internet, che i netizennon devono più accettare: «È tempo di aggiornare il contratto sociale sulla governance delle nostre vite digitali, passando dalla sudditanza a decisioni insindacabili al “consenso dei connessi”», racconta. In pratica una riedizione 2.0 del «consenso dei governati» caro a un altro filosofo inglese, John Locke.
Le conseguenze sono concrete: secondo MacKinnon i «sovrani digitali», pubblici e privati, devono riconoscere che la loro possibilità, etica ma anche legale, di fare affari dipende dal «sufficiente rispetto» dei diritti degli abitanti della Rete. Esattamente il contrario di quello che è accaduto in molti Paesi, la Cina per esempio: un mercato che per il solo ecommerce sarà nel 2015 di 305 miliardi di dollari.

The iBooks Author Tour: Video/ Prima panoramica di iBooks Author

iBooks Author is a new application for Mac OS 10.7 users that enables you to create e-Books in a very simple and elegant way. The application is free of charge and of use and it is possible to download it from the Apple App Store. iBooks Author lets anyone with a Mac create stunning iBooks textbooks, cookbooks, history books, picture books and more, and publish them to Apple’s iBookstore. Authors and publishers of any size can start creating with Apple-designed templates that feature a wide variety of page layouts. iBooks Author lets you add your own text and images by simply dragging and dropping, and with the Multi-Touch widgets you can easily add interactive photo galleries, movies, Keynote presentations and 3D objects.

In Italiano:
iBooks Author è disponibile da oggi come download gratuito sul Mac App Store: chiunque abbia un Mac (NB: con Mac OS 10.7) potrà creare fantastici libri di testo iBooks, ma anche libri di cucina, racconti, fotostorie e tanto altro, e pubblicarli sull’iBookstore di Apple. Autori ed editori di qualsiasi dimensione potranno iniziare a creare libri partendo da uno dei modelli progettati da Apple, sfruttandone l’ampia varietà di layout di pagina offerti. iBooks Author ti permette di aggiungere le tue immagini e i tuoi testi semplicemente trascinandoli, e con i widget Multi-Touch si possono aggiungere anche gallerie fotografiche, filmati, presentazioni Keynote e oggetti 3D. Apple ha annunciato in questi giorni anche iBooks 2 per iPad, con i libri di testo iBooks, una tipologia completamente nuova di libri di testo dinamici, coinvolgenti e davvero interattivi. I libri di testo iBooks offrono agli utenti iPad libri di testo fantastici a schermo pieno, completi di animazioni interattive, diagrammi, foto, video, una facilità senza pari nella navigazione e tanto altro. I libri di testo iBooks possono essere aggiornati regolarmente, non pesano nello zaino e non vanno restituiti alla biblioteca.

Shelfster: Annotate and Write Online/ Scrivere e annotare online (gratis)

Shelfster is a free platform dedicated to WRITERS. The key feature is that when you write, you have at your fingertips everything you’ve gathered for your writings. You don’t have to worry anymore that your ideas and sources of inspiration are lost or scattered in different places.
It is possible to write and to annotate texts, pictures and diagrams online and save for future uses. Shelfster Desktop Tool exists in various formats (Windows and Mac), but also for mobile devices (such as the iPhone and the iPad), and is a research and writing tool that allows you to quickly capture snippets of information from the web or from documents on your computer and write articles. All content can be organized using titles, tags or annotations, saved to specific project and stored in your online account.
Shelfster‘s FREE Online Application – on the left you can find all items you’ve gathered before. You can hide this panel, or you can drag&drop text and images from your items directly into the online text editor located on the right side. Once you’ve finished writing your document you can print it or export in HTML or PDF. Just to bear in mind, once again, through Shelfster it is possible to write as if we used a full operative Word Editor.

Upcoming features:

  • export to DOC, Google Docs and popular ebook formats
  • publish to WordPress, Facebook and Twitter

In Italiano:
Oggi ho scoperto Shelfster (letteralmente: il sistematore sugli scaffali), applicazione online, ma anche scaricabile sul proprio computer, dispositivo mobile e come plugin del browser internet, che permette di scrivere liberamente, annotare e/o memorizzare testi, fotografie, e altro. Per la precisione, con Shelfster è possibile scrivere come con un elaboratore di testi vero e proprio. Come molte applicazioni simili, anche Shelfster è gratuita e richiede la sola creazione del proprio account utente, per poter poi operare liberamente. Il potenziale didattico di Shelfster è grandemente adatto per tutte le ricerche che i nostri studenti dovessero fare in classe e in laboratorio, senza dover abbandonare i percorsi svolti tramite Internet e sempre sotto la guida del docente.
Al momento Shelfster è in lingua inglese, è tuttavia assai versatile e disponibile per l’uso off-line sul proprio computer (sia in versione Windows che Mac OS X) che su dispositivo mobile (iPhone e iPad): pare che a breve possa arrivare pure la versione per Android. Inoltre, è possibile sfruttare il plugin per tutti i browser Internet diffusi (Windows Explorer, Apple Safari, Opera, Mozilla Firefox, nonché Chrome).

Hypothes: Collaborative Evaluation of Information/ Valutazione collaborativa delle informazioni

Hypothes.is will be a distributed, open-source platform for the collaborative evaluation of information. It will enable sentence-level critique of written words combined with a sophisticated yet easy-to-use model of community peer-review. It will work as an overlay on top of any stable content, including news, blogs, scientific articles, books, terms of service, ballot initiatives, legislation and regulations, software code and more-without requiring participation of the underlying site.
It is based on a new draft standard for annotating digital documents currently being developed by the Open Annotation Collaboration, a consortium that includes the Internet Archive, NISO (National Information Standards Organization), O’Reilly Books, Amazon, Barnes and Noble, and a number of academic institutions. Here’s a quite interesting introductory video (Vimeo) featuring his founder, Dan Whaley.

In Italiano:
Hypothes.is si presenta come un sistema che consente di sottoporre tutti i contenuti del web a un controllo incrociato analogo a quello che le grandi riviste scientifiche impongono agli articoli  prima della pubblicazione. Hypothes.is è un prototipo messo a punto da una équipe coordinata da Dan Whaley, esperto di motori di ricerca e attivista ecologista. Il progetto, finanziato anche attraverso il crowdfunding, ha già raccolto fondi per 240.000 dollari e dovrebbe entrare in funzione all’  inizio del 2012. ‘’Pensiamo che una serie di strumenti relativamente semplici ci possano aiutare ad accrescere la qualità dell’ informazione su internet e, per estensione, a tutto il mondo che ci circonda’’, come spiega il sito. Hypothes.is sarà una piattaforma open-source per una valutazione collaborativa dell’ informazione. Consentirà una critica a livello delle singole frasi scritte combinata con un sofisticato ma semplice modello di peer-review (revisione paritaria) a livello di comunità di esperti. Hypothes.is funzionerà come un filtro di controllo per ogni tipo di contenuto: notizie, blog, articoli scientifici, libri, istruzioni di servizio, programmi elettorali, leggi e regolamenti, codici software e oltre. Senza che sia necessario l’ intervento dei rispettivi siti web. Il meccanismo – spiega Hypothes.is – è basato su un nuova versione del sistema di annotazione dei documenti digitali che sta sviluppando la Open Annotation Collaboration, un consorzio che include l’ Internet Archive, NISO (National Information Standards Organization), O’Reilly Books, Amazon, Barnes and Noble e varie istituzioni accademiche.