Navigare nel web con Symbaloo

Symbaloo è un servizio web che mette a disposizione una pagina di raccolta con tutti vostri siti internet preferiti. L’intento dichiarato è aiutare l’utente a consultare i siti web in modo facile e rapido grazie a una visione d’insieme di tutti i link desiderati, con una interfaccia visiva che li metta a disposizione tutti assieme.
In altre parole, Symbaloo è una raccolta visiva di tutti i vostri “bookmark” che normalmente sono elencati dal browser in uso e questi siti preferiti appariranno organizzati sulla schermata principale sotto forma di icone disposte variamente come nella figura:
immagine-4
La pagina-interfaccia riassuntiva sarà dunque accessibile ovunque e attraverso qualsiasi dispositivo, fisso e mobile, tablet e smartphone, secondo il principio della “nuvola” o cloud. E’ interessante vedere anche che una volta registrati su Symbaloo, la piattaforma cercherà automaticamente di precaricare i link ai siti più conosciuti e visitati ultimamente anche da voi.
L’interfaccia di Symbaloo è disponibile in moltissime lingue e la registrazione è una procedura rapida e semplice.Inoltre, Symbaloo è nato come piattaforma di apprendimento collaborativo, per cui è possibile condividere tutti i link e le pagine web, nonché la strutturazione specifica di quel percorso di conoscenza e informazioni (o webmixes). E’ come se mettessimo su carta tutte le associazioni mentali che ci hanno portato a elaborare quel percorso di apprendimento e/o saperi. La piattaforma comprende automaticamente il servizio per strutturare le lezioni e progetti formativi (“Lesson plans”).
Symbaloo è anche in versione PRO, a pagamento, come si può vedere nella tabella sottostante e si configura come vera e propria piattaforma di apprendimento polivalente, in grado di gestire una classe (fino a 100 studenti), una scuola (fino a 250) o addirittura oltre 250 e i prezzi non sembrano eccessivamente alti.
Immagine 5.png

E’ possibile inserire il Symbaloo Webmix nel proprio blog, spazio wiki o sito web, così come si interfaccia bene con un aggregatore di notizie e feed RSS, i vari social networks, ecc.
Infine, un account di SymbalooEDU (Edu.symbaloo.com) avrà i “Webmix” pre-installati e questi sono continuamente aggiornati con notizie ed elementi dei siti educativi più importanti, raccomandati e quindi garantiti dai “Symbaloo Certified educators“.

Creare progetti, raccontare e presentare storie con Microsoft Sway (gratis)

OFC-B214-LGIntrodotta verso la fine del 2014, Sway è un’applicazione gratuita inserita nel pacchetto di Microsoft Office. Sway quindi si presenta come un’app intelligente che consente di raccogliere e formattare le proprie idee e di presentarle in un’area di disegno interattiva basata sul Web. Per creare uno sway, aggiungere immagini, testo, documenti o altri contenuti. Sway trasformerà tutto questo in qualcosa di meraviglioso. Per leggere uno sway, basta toccarlo per aprirlo e quindi scorrere la storia con un dito.
Nota bene: Per creare e modificare gli sway, accedere con il proprio account Microsoft. È possibile aprire e leggere gli sway senza accedere, MA non è possibile crearli o modificarli. Se non si ha un account Microsoft gratuito, bisogna passare a www.microsoft.com/account per iscriversi.
C’è chi dice che Sway rappresenti la risposta targata Microsoft al tuttofare e onnipresente Evernote, ma anche a Prezi, certo è che anche Microsoft ha capito che creare idee, organizzarle in modo dinamico e accattivante, condividerle e modificarle anche in collaborazione con altri è la chiave di volta di un apprendimento esteso.

In sintesi, che si può fare con Sway? Si possono realizzare presentazione animate dalle grafiche esteticamente apprezzabili e immediate, includendo video, foto e altri contenuti. L’aspetto più innovativo è che, quando avete terminato il vostro documento, lo potete condividere semplicemente copiando e incollando la sua url in una mail o sui social network.
La nuova app vive completamente sul cloud, non necessità di alcuna installazione: sarà sufficiente collegarsi a questo indirizzo e dopo aver eseguito il login cominciare fin da subito a creare la propria presentazione, esattamente come si costruirebbe una presentazione in PowerPoint, soltanto più interattiva.
Avrete a disposizione tutti gli strumenti basi, dalla scelta degli sfondi all’inserimento delle immagini, dai testi alle citazioni, dagli album fotografici ai video di YouTube, passando per le foto prese direttamente da OneDrive, il servizio cloud di Microsoft, ma anche inserire tweet e molto altro. Insomma, massima libertà creativa e risultati davvero sorprendenti: semplici sì, ma con un tocco professionale di tutto rispetto.
La cosa interessante, poi, è che non è necessario avere uno spazio online a disposizione, un dominio da gestire: ogni presentazione, se così vogliamo chiamarla, è embeddable (inseribile) in una qualunque pagina web.

AirDroid: Gestire il proprio smartphone via web

AirDroidUn’applicazione come AirDroid mi mancava ed è sicuramente utile per chi possiede e utilizza un telefono cellulare con sistema Android.
Ho scoperto AirDroid casualmente e l’ho subito scaricato sia sul telefonino che sul pc. AirDroid esiste in molte versioni Desktop: Windows, Mac OS X, e versione accessibile da web (Google Chrome, ovviamente).
Una volta installato su telefonino e/o computer, creeremo un account e in brevissimo tempo AirDroid si collegherà al nostro telefonino, originando una schermata – plancia di comando come quella dell’illustrazione, da cui è possibile gestire tutto quanto c’è nel proprio smartphone. Vedremo il nostro (o più) terminale con un menu a destra, compresa la sua localizzazione (via Gps) e in basso sempre a destra una piccola console per gestire la scheda di memoria presente. Sempre sulla schermata a sinistra potremo aggiungere app a nostro piacimento.
Tramite AirDroid è possibile leggere/spedire/ SMS, gestire le applicazioni, tutti i file multimediali, audio e video. E’ presente un discreto “Task Manager” e “File Manager”, ecc. Sul pc quindi potremo gestire le notifiche, interagire con i contenuti del telefonino e così via in modo abbastanza efficace. Unica nota negativa è che su Android 4.4 “KitKat” NON è ancora possibile cancellare i vecchi SMS.
Indubbiamente AirDroid è un’ottima applicazione che mancava agli utenti Android, cosa che invece esisteva da anni per BlackBerry (e oggi la suite di BlackBerry Blend risulta la più completa esistente) e Mac OS X.

Coursera: Free Quality University Courses / Corsi universitari gratis

“We are a social entrepreneurship company that partners with the top universities in the world to offer courses online for anyone to take, for free. We envision a future where the top universities are educating not only thousands of students, but millions.”
I quote these lines directly from Coursera website, that assembles a very worth effort by most American famous universities, such as Stanford, the University of Pennsylvania, Princeton, Michigan, and so on. In brief, Coursera offers free quality courses on a wide range of subjects taught by leading teachers. It is even possible to get a final certificate.
Classes offered on Coursera are designed to help people master the material. When we the student take one class, we will watch lectures taught by world-class professors, learn at our own pace, test your knowledge, and reinforce concepts through interactive exercises. When we join one of Coursera classes, we’ll also join a global community of thousands of students learning elsewhere. Courses are designed based on sound pedagogical foundations, to help the student master new concepts quickly and effectively. Key ideas include mastery learning, to make sure that we have multiple attempts to demonstrate our new knowledge; using interactivity, to ensure student engagement and to assist long-term retention; and providing frequent feedback, so that Coursera can monitor our own progress.

In Italiano:
Avreste sempre desiderato seguire un corso di una prestigiosa università americana, ma avete desistito a causa della distanza e dei costi? Adesso è possibile farlo: attraverso Coursera chiunque ha l’opportunità di iscriversi gratis – secondo la tempistica accademica consueta – a un qualsiasi corso disponibile. Le discipline e gli ambiti d’interesse sono i più disparati, dalle materie scientifiche a quelle più prettamente umanistiche, secondo un criterio di qualità messo su da un consorzio delle università USA più famose.
Coursera mette a disposizione i materiali e gli insegnamenti, assieme alla bibliografia relativa, il tutto in maniera assolutamente gratuita, secondo un o percorso che risulta essere assai organizzato e coerente. Ultima cosa interessante: Coursera rilascia regolare certificato di frequenza e competenza.

Widbook: Multimedia Authoring Tool (Free)/ Creare libri multimediali (gratis)

Today I am pleased to write a short post about a new website called “Widbook“. Widbook presents itself as the ‘social network to find books, publish your own, create shelves and spread ideas.’ Widbook is new service that is part multimedia book authoring tool and part social network. On Widbook it is possible to create a digital book that contains text, images, and videos. Widbook is collaborative because the user can invite others to make contributions to his/her books. To use Widbook we have to create a profile on the service, or access via Facebook. The books that we create become a part of our profile. If we allow it, other Widbook users can add content and or comments to our books. Likewise, we can search for others’ books and make contributions to their books.
The educational potential of Widbook is great: Widbook may allow students and teachers to build multimedia research papers, digital learning objects and even platform, where users can share and enjoy smarter and creative ways to learn.

In Italiano:
Oggi è sempre più possibile sfruttare strumenti software e piattaforme online per elaborare e creare da sé libri multimediali, ricerche  e oggetti digitali per l’apprendimento riusabili dove e come si vuole. Il caso di iBooks Author della Apple, che gli utenti possono adoperare su notebook, computer da tavolo, iPad, è eclatante: il singolo utente può dare sfogo alla propria creatività e alle competenze in modo nuovo e interessante.
Oggi è disponibile un nuovo strumento collaborativo online, gratuito e chiamato Widbook, ovvero una piattaforma cui accedere dopo essersi registrati con account libero o attraverso il proprio profilo Facebook. Widbook permette di creare libri digitali che contengono testi, immagini e video. L’aspetto collaborativo di Widbook è evidente in quanto l’utente può invitare altri a collaborare al proprio libro o ricerca multimediale, aggiungendo commenti, modificandone parte del contenuto e/o dell’aspetto.

Teens and video / Come i ragazzi usano video online?

This post is not original, in the sense that I have just come across an interesting report by the American PEW Internet Research with the title ‘Teens and Video: shooting, sharing, streaming and chatting. The document reports the outcomes of a survey conducted on 799 teens conducted by the Pew Research Center’s Internet & American Life Project between April 19 and July 14, 2011. In that study, the teens were asked about a number of online behaviors and the results for video-oriented activities. Here I copy what the summary says:

  • 37% of internet users ages 12-17 participate in video chats with others using applications such as Skype, Googletalk or iChat. Girls are more likely than boys to have such chats.
  • 27% of internet-using teens 12-17 record and upload video to the internet. One major difference between now and 2006 is that online girls are just as likely these days to upload video as online boys.
  • 13% of internet-using teens stream video live to the internet for other people to watch.
  • Social media users are much more likely than those who do not use social media to engage in all three video behaviors studied.

 In Italiano:
Quest’oggi ho il piacere di presentare un rapporto dell’americano Pew Research Center’s Internet & American Life Project condotto fra il 19/04 e il 14/07/2011, intitolato Teens and Online Video. Lo studio presenta le risposte di 799 giovani circa i comportamenti online e le attività attraverso le modalità video e fotografiche. Insomma, abbiamo un’interessante analisi riguardante ciò che gli adolescenti compiono online, dal condividere foto a elaborare video, ecc.
Questi i dati in sintesi:

  • 37% degli utenti internet (età 12-17) partecipano a interazioni in video-chat con altri usando Skype, Googletalk o iChat. Le femmine superano i maschi.
  • Il 27% degli adolescenti utenti (età 12-17 anni) registrant e caricano video su internet. Rispetto a una ricerca identical condotta nel 2006, oggi (2011), le ragazze fanno le attività online tanto quanto i ragazzi (e non sono meno).
  • Il 13% dei giovani elabora (in 1^ persona) e carica video in streaming perché sia visto da altri utenti.
  • Gli utenti dei social media sono presumibilmente di più di coloro che non li usano.

Visualize Data on the Web / Infografica e dati con Visual.ly

Infographics and data visualizations are shifting the way people find and experience stories, creating a new way of seeing the world of data. They help communicate complex ideas in a clear, compact and beautiful way, taking deep data and presenting it in visual shorthand.
Visualizations are powerful, but they require time and hard work to create – until now. We no longer need expensive software, extensive design skills, or number crunching ability. Visual.ly is a tool that will allow everyone to quickly and easily create professional quality designs with their own data. And when we are ready to show our work to the world, publish it on our Visual.ly profile, our own personal showcase.

In Italiano:
Visualizzare dati e informazioni è indubbiamente un notevole aiuto all’apprendimento, alla circolazione delle informazioni stesse e alla memorizzazione. Noi magari riusciamo a ricordare varie scene e momenti di vita attraverso la nostra memoria visiva e in automatico magari associamo pure le emozioni, le conoscenze che pensavamo perse o nascoste.
Creare visualizzazioni grafiche di informazioni e dati fino a poco tempo fa poteva costituire una seria difficoltà tecnica e/o concettuale. Eppure, oggi non è più necessario dover intraprendere un lungo processo elaborativo, ma basta utilizzare Visual.ly, uno strumento appositamente creato per la condivisione dei dati e la creazione di infografiche brillanti e accattivanti.