Free Flowcharts, Sitemaps, Visual Thinking / Mappe visive e siti gratis

From Wikipedia: “Visual Thinking” [accessed 10/07/2010]:
Picture thinking, visual thinking, visual/spatial learning or right brained learning is the common phenomenon of thinking through visual processing using the part of the brain that is emotional and creative to organize information in an intuitive and simultaneous way.”

Online visual thinking, learning and collaboration tool for students, teachers, and thinkers are nowadays available everywhere. It is possible to brainstorm ideas, visualize concepts, organize information and collaborate with others anytime, anywhere. The tools I mention today are three: SlickPlan, Thinklinkr, and Webspiration (now Beta, next Autumn in final version). Each tool is free (after you register for it).
All the tools mentioned above allow to work collaboratively on assignments and work, always available, automatically saved, and stored online. Collaboration and peer review are easy. Everyone you invite creates, edits and comments on the same document. Whether working individually or with a group, SlickPlan, Thinklinkr, and Webspiration are very good tools for visual thinking, writing, studying and learning.
To conclude, for those who are interested, it could be interesting to see the website “VisualSpatial.Org“. Please, see also summary chart below.

In Italiano:
Oggi sono disponibili molti strumenti per la visualizzazione delle informazioni online, per mappe concettuali visive e collaborative. Studenti, docenti ed esperti possono visualizzare i concetti, organizzare le idee e lavorare in tempo reale con altri. Gli strumenti che segnalo in questo post sono tre: SlickPlan, Thinklinkr, Webspiration (al momento in Beta, ma si prevede la versione definitiva per questo autunno. NB: tutti i siti suggeriti sono gratuiti (dietro classica creazione dell’account).
Una buona risorsa (ma in lingua inglese) sul “Pensiero visivo” è reperibile sulla pagina di Wikipedia relativa alla voce “Visual Thinking”, con vari riferimenti. Infine, vale la pena visitare il sito “VisualSpatial.org

Mappe concettuali visive online per esami

Non mi va (quasi mai) di installare continuamente nuovi programmi nel computer, neanche fosse per prova, anche perché ogni passaggio lascia sempre qualche traccia nel computer, fosse anche un buon iMac.
Oggi siamo persino alle ultime battute di scuola e l’anno scolastico sta per finire: chi insegna nella scuola secondaria superiore potrebbe approfittare di questo post per suggerire ai prossimi studenti d’esame possibili strumenti online per costruire e presentare informazioni visivamente, attraverso mappe concettuali online, senza installazione alcuna e senza costo di sorta. Vi domanderete perché mai si debba visionare altri due servizi online, come già abbiamo visto nei mesi scorsi. Tuttavia, vale la pena dare un’occhiata a Mind42, a WiseMapping, PersonalBrain e ThinkFold.

Ricordo sempre che una mappa mentale (o concettuale, relativa differenza) è simile a una rete semantica o a una mappa cognitiva, ma non vi sono restrizioni circa il genere di link usati.

  • Mind42 – E’ un’applicazione basata sul web, ma ciò non significa roba da poco. Mind42 è un editor di mappe mentali WYSIWYG (What You See Is What You Get) che supporta abbreaviazioni da tastiera, il trascina e incolla, lo zooming e molto altro. Non ci sono moduli e/o passaggi obbligati tipici delle applicazioni web. Mind42 si definisce “A real application – within your browser” (una vera applicazione, solo dentro il proprio browser). Da notare che Mind42 funziona da community, quindi potremo visionare decine di mappe elaborate da altri utenti, sempre gratis.
  • WiseMapping – Come la precedente, anche WiseMapping è un servizio online e rappresenta un tipico esempio di applicazione basata sul Web 2.0. A differenza di Mind42, WiseMapping mette insieme nuove tecnologie come i linguaggi vettoriali (SVG e VML) con la potenza concettuale dell’intero Web 2.0. Come prima, non si richiede alcun plug-in o installazione.
  • PersonalBrain – Sì, l’ammetto: è l’unico software o programma da scaricare, sempre con versione gratuita. PersonalBrain è un programma che permette di creare mappe concettuali d’effetto, con possibilità di inserire note, link esterni e “saltare” letteralmente da un nodo all’altro con la possibilità di creare un vero e proprio percorso cognitivo, non la semplice accumulazione di informazioni. A mio modesto parere, PersonalBrain è il miglior software per mappe concettuali ed è disponibile per tutti i sistemi operativi.
  • Infine, voglio presentare ThinkFold – ThinkFold rappresenta la possibilità di pensare e lavorare in real-time, in tempo reale, sia singolarmente che in gruppo. Con ThinkFold potremo inserire idee, immagini, documenti, presentazioni, programmi, pagine wiki ancora da strutturare, ecc.

Connettere informazioni e costruire conoscenze con Cohere

Lo strumento non mi è nuovo, ma vorrei riproporlo ai lettori, amici e visitatori del mio sito. Cohere è un’ipotesi di gestione  delle connessionifra idee e pensieri sia per uso personale che per gruppi di lavoro e di condivisione più ampia. L’idea proviene dalla Gran Bretagna e precisamente, dall’Open University che già da tempo sperimenta forme didattiche e di apprendimento online, via Twitter e altro.
La visione che sta dietro Cohere fa parte di un approccio emergente relativo alle “infrastrutture della mente”, per la costruzione, condivisione e discussione di idee. Attraverso Cohere (nomen omen), l’utente annota e connette varie parti di discorso e idee con l’intento di costruire nuove conoscenze, secondo il principio che aggregando le parti il tutto è diverso e maggiore rispetto alle origini. Devo dire che gli anglo-sassoni sono più avanti rispetto a molti altri circa il senso da dare al mare magnum di informazioni esistenti e ulteriori strumenti orientativi sono estremamente utili o rappresentano possibili aiuti

Cinque buone ragioni per usare Wordle a scuola

Abbiamo già incontrato Wordle, una specie di “giocattolo” che vi permette di generare quelle che in inglese chiameremo “word clouds” (nuovole di parole) dal testo che possiamo incollare. Le “nuvole” mettono in risalto le parole che appaiono con maggiore frequenza nel testo stesso. E’ possibile rendere le nuovole semantiche con colori e caratteri diversi, forme diverse e così via. Inoltre, si può stampare l’insieme di parole così enucleate o salvarle nella galleria online di Wordle. wordle
Una volta generata la nuvola di parole con Wordle, ci chiederemo perché e come usarla a scuola. Ebbene, il post di oggi mira proprio a questo: individuare almeno cinque buone ragioni per usare Wordle a scuola.

  • Wordle è adatto per l’auto-riflessione, per un ulteriore ripensamento da parte dello studente.
  • Wordle può essere usato come mezzo di valutazione. Se chiediamo allo studente di creare un Wordle della sua presentazione, si può, in seguito,
  • Usare quel lavoro Wordle come base per una discussione, senza perdere tempo in creare eccessivi dettagli, ma di sintetizzare concetti e ragionamenti.
  • A questo punto Wordle si qualifica adeguatamente come mezzo di sintesi di risultati, di ricerche di vario genere.
  • Wordle come buon meccanismo di feedback, visto che posso riutilizzare le parole della nuvola semantica con le mie aggiunte e/o correzioni di insegnante, aggiungendo magari anche un’immagine.