Orientarsi bene nel gran mare del Web 2.0

Avreste sempre voluto avere a disposizione una mappa geografica di quanto il Web propone riguardo i siti “sociali”, di condivisione e costruzione comune? Bene, qualcuno (AppAppeal) ha pensato proprio a questo: elablorare il planisfero del pianeta Terra attraverso le icone dei vari servizi e siti basati sul Web 2.0.
Vale la pena visitare il sito ed essere direttamente rimandati al sito/servizio prescelto, ma neanche AppAppeal scherza per altro, essendo questa un’ottima “Directory” o raccolta indicizzata di siti con l’aggiunta di una recensione qualitativa. Insomma, entrambi sono assai meritevoli di essere ricordati come “Preferiti”…

P.S. Devo la segnalazione alla cortesia di un’amica americana, Alexandra M. Pickett (Associate Director della State University of New York Learning Network, SLN, il network d’apprendimento asincrono della SUNY) e conosciuta durante un convegno l’anno scorso (NERCOMP 2009 Annual Conference. Creative Intersections, Wise Collaborations, and Sustainable Technology). Consiglio vivamente la visione di una sua presentazione dinamica basata su Prezi, assai interessante e pedagogicamente utile per inquadrare l’approccio didattico che propongo umilmente da tempo.

Prezi: Creare presentazioni davvero coinvolgenti e istruttive

preziNon parlerò mai abbastanza bene di Prezi, il servizio online che vi permette di creare presentazioni assai coinvolgenti, sia in termini visivi che di contenuto. Il principio è in fondo abbastanza semplice: si dispone tutto il materiale sul tavolo, si seleziona quel che si ha in mente di proporre e si costruiscono relazioni significative all’interno di esso, riducendo al massimo la possibilità di distrazione e il grado di passività latente.
Non è un caso che le presentazioni soffrano la “pallinite”, cioè gli elenchi puntati (“Bullet dictatorship”) e i lunghi testi che molti relatori si ostinano a propinare al pubblico durante eventi e convegni, anche quelli organizzati e fatti da insegnanti. Salvo poi ad annoiare a morte tutti
Qui appresso riporto un breve video (in lingua inglese) che illustra assai concisamente ed efficacemente le potenzialità di Prezi. All’inizio tutto sembra alquanto difficile, ma è il primo impatto con uno strumento di lavoro nuovo. Raccomando caldamente: sì, perdeteci un po’ di tempo prima, i risultati saranno strepitosi dopo, anche se dopotutto abbiamo un file a metà tra Adobe Flash e Microsoft Powerpoint/Apple KeyNote.
Come per tutti gli strumenti del Web 2.0, anche Prezi si differenzia per tipologia di servizio offerto: a qualsiasi nostro studente e a noi docenti basterà creare un account gratis, sfruttando i 100 Mb di spazio web offerto gratuitamente. Se poi volete arrivare a 1 Gb di spazio potrete pagare 119 Euro/annui. In ogni caso, anche la versione gratuita permette di scaricare il lavoro creato sul proprio computer, in formato Pdf, importare immagini, video, PDF, file in formato Flash e PDF, condividere tutto, ecc.

Usi educativi di Prezi

E’ uno strumento interessante e ha grande potenziale educativo. In che termini? Ecco le prime riflessioni:

  • Le presentazioni potrebbero diventare più dinamiche, interattive e – si spera – coinvolgenti.
  • L’abilità di incorporare facilmente qualsiasi file digitale o elemento di media permette agli insegnanti di far conto su una grande disponibilità di stili di apprendimento (audio, video, visivi, etc.).
  • Prezi potrebbe essere usato come un ottimo strumento per la mappatura concettuale e semantica.
  • Docenti e studenti potrebbero trovare Prezi utile per l’organizzazione, collaborazione e il project management condivisi o in gruppo.
  • Infine, mi viene l’idea di usare Prezi per facilitare il mio lavoro di preparazione delle lezioni, sviluppo unità didattiche, lavoro di gruppo, progetti interculturali e interdisciplinari, ecc.