Wordle: Mappe visive eccellenti sulle nuvole

Se avete voglia di sperimentare strumenti intelligenti e veramente interessanti, vale la pena dedicare qualche minuto a Wordle. Ho già accennato a Wordle in passato e non mi stancherò proprio di sottolinearne la genialità nel condensare informazioni e concetti in modo visivamente stuzzicante.
Wordle si presenta come un giocattolo gratuito per generare “word clouds” (‘Nuvole di parole’), attraverso il linguaggio Java, da testi “incollati” da noi stessi. Le ‘nuvole’ metteranno in rilievo le parole che appaiono più frequentemente E’ possibile scegliere i colori, il tipo di carattere, l’orientamento, le immagini, stampare quanto ottenuto, salvare il tutto nella “Wordle gallery” e condividerlo con chi volete voi.
La ‘nuvola’ che ho generato è derivante dal primo capitolo dei Promessi Sposi.

Tag Cloud, la frontiera delle mappe concettuali

Non potevo rimanere inattivo, viste le notizie e le informazioni che si aggiornano continuamente e che possono rappresentare interessanti opzioni didattiche e formative in genere. Dopo Wordle, un altro servizio – ancora gratuito, pare, anche se rimarrà tale se per uso personale non commerciale – è Tagul. Tagul è un servizio web che vi permette di creare bellissime “tag clouds”. Tagul è stato inventato da tale Alex, un giovane russo di Mosca, 27 anni, imprenditore e tech geek.

Cinque buone ragioni per usare Wordle a scuola

Abbiamo già incontrato Wordle, una specie di “giocattolo” che vi permette di generare quelle che in inglese chiameremo “word clouds” (nuovole di parole) dal testo che possiamo incollare. Le “nuvole” mettono in risalto le parole che appaiono con maggiore frequenza nel testo stesso. E’ possibile rendere le nuovole semantiche con colori e caratteri diversi, forme diverse e così via. Inoltre, si può stampare l’insieme di parole così enucleate o salvarle nella galleria online di Wordle. wordle
Una volta generata la nuvola di parole con Wordle, ci chiederemo perché e come usarla a scuola. Ebbene, il post di oggi mira proprio a questo: individuare almeno cinque buone ragioni per usare Wordle a scuola.

  • Wordle è adatto per l’auto-riflessione, per un ulteriore ripensamento da parte dello studente.
  • Wordle può essere usato come mezzo di valutazione. Se chiediamo allo studente di creare un Wordle della sua presentazione, si può, in seguito,
  • Usare quel lavoro Wordle come base per una discussione, senza perdere tempo in creare eccessivi dettagli, ma di sintetizzare concetti e ragionamenti.
  • A questo punto Wordle si qualifica adeguatamente come mezzo di sintesi di risultati, di ricerche di vario genere.
  • Wordle come buon meccanismo di feedback, visto che posso riutilizzare le parole della nuvola semantica con le mie aggiunte e/o correzioni di insegnante, aggiungendo magari anche un’immagine.